24 Aprile 2024
visibility
percorso: Home

Ambiente

Il nostro staff interno ed eventuali professionisti esterni, affiancano il datore di lavoro e ed i delegati aziendali nella gestione degli adempimenti normativi fornendo supporto programmato, o a richiesta, in azienda, con sopralluoghi ed incontri periodici, o con l'invio di promemoria di scadenze personali e l’organizzazione dei campionamenti, misurazioni o delle analisi di autocontrollo (quando richieste o necessarie).

Pratiche autorizzative emissioni in atmosfera

Le emissioni in atmosfera sono uno degli aspetti di prevalente impatto ambientale ad opera delle realtà produttive.
Per inquinamento atmosferico s’intende ogni modificazione dell’aria, dovuta all’introduzione nella stessa di una o più sostanze - in quantità e con caratteristiche tali - da compromettere o da costituire un pericolo per la salute umana o per la qualità dell’ambiente, oppure da ledere i beni materiali.
Ogni azienda per essere operativa è tenuta ad ottenere una preventiva autorizzazione per le emissioni. Il quadro normativo attuale prevede che ogni impianto che produca emissioni in atmosfera sia preventivamente autorizzato dagli Enti preposti (SUAP, Province) e rispetti i valori limite imposti.

Pratiche autorizzative scarichi idrici produttivi

Tutti gli impianti di scarico devono essere preventivamente autorizzati, l'autorizzazione è rilasciata al titolare dell'attività da cui origina lo scarico dagli enti preposti dopo aver presentato domanda attraverso il Comune e l’ufficio attività produttive.

Valutazioni di impatto acustico

La valutazione di impatto acustico ambientale è uno studio che viene in genere richiesto, nel caso si voglia installare un insediamento produttivo o una infrastruttura, dal Comune all’interno del quale si desidera avviare l’attività e serve a verificare il disturbo prodotto dall’insediamento verso recettori confinati.
La valutazione viene redatta da un tecnico competente in acustica ambientale dopo aver eseguito un rilievo strumentale e la verifica del rumore esistente.

Analisi per la caratterizzazione dei rifiuti

I produttori di rifiuti (aziende) devono stabilire se un rifiuto può essere trattato in uno specifico impianto di smaltimento o recupero, pertanto occorre caratterizzarlo.
La caratterizzazione è l’insieme dei processi capaci di determinare le caratteristiche del rifiuto prodotto, attraverso la raccolta di tutte le informazioni necessarie per lo smaltimento finale in condizioni di sicurezza.
Per caratterizzare un rifiuto è necessario raccogliere le informazioni sul ciclo produttivo che lo ha generato, sulle sostanze utilizzate (attraverso le loro schede di sicurezza) e sulle sue caratteristiche fisiche, morfologiche e merceologiche.

Verifiche indoor inquinanti aerodispersi - campionamenti personali

Quando all’interno delle aziende, durante il normale ciclo produttivo, vengono prodotte polveri e sostanze organiche volatili potenzialmente nocive, come esalazioni di solventi, mastici o polveri fini quali polveri di cuoio, legno ed altre sostanze cancerogene e non, si rende necessario procedere con campionamenti strumentali e personali della reale esposizione dei lavoratori a questi agenti nocivi per la salute degli operatori.
Tale valutazione diventa parte integrante del Dvr.
Denuncia annuale dei rifiuti - MUD
Annualmente presso la Camera di Commercio dovrà essere presentato il MUD - Modello Unico di dichiarazione Ambientale per i rifiuti speciali.

La comunicazione deve essere presentata obbligatoriamente dai seguenti soggetti:
  • chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto rifiuti, compreso il trasporto in conto proprio di rifiuti pericolosi;
  • commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
  • imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;
  • imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi comprese le imprese agricole con un volume di affari annuo superiore a Euro 8.000,00;
  • imprese ed enti produttori che hanno più di 10 dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie